Skip links
La partecipazione di Baglioni all’evento Career Service 2023 del PoliMi

La partecipazione di Baglioni al Career Service 2023 del PoliMI

La partecipazione di Baglioni al Career Service 2023 del PoliMI

Baglioni è stato protagonista del Career Service 2023 del PoliMI che si è svolto giovedì 9 novembre 2023 in modalità online.

A prendere parte al workshop sulla digitalizzazione e automazione industriale sono stati Stefano Petrini, Direttore delle Divisioni SPV e SPE, e Massimo Verteramo, Industrial R&D Manager – Manufacturing presso Baglioni, che hanno prontamente risposto alle domande che gli studenti di ingegneria meccanica hanno fatto in merito a diversi nostri progetti innovativi e a particolari curiosità.

Tra i temi più caldi, le skills indispensabili per chi vuole lavorare all’interno di importanti realtà industriali, l’automazione e le sue aree, la transizione energetica e progetti realizzati in ottica di sostenibilità e l’intelligenza artificiale in ambito industriale.

Un appuntamento fondamentale che ha messo in comunicazione diretta gli studenti del Politecnico di Milano che stanno per laurearsi o si sono appena laureati con le Aziende che sono alla ricerca di nuovi talenti, fornendo una panoramica dettagliata del settore.

Che cos’è il Career Service 2023

Il Career Service è l’ufficio del Politecnico di Milano che si occupa di orientamento professionale e recruiting.

Il suo compito è quello di assistere e supportare gli studenti nell’inserimento efficace nel mercato del lavoro, aiutandoli a scoprire le possibilità di carriera, comprendere le opportunità professionali italiane e internazionali e trovare un lavoro in linea con il proprio percorso accademico. 

Per raggiungere concretamente questo obiettivo, il Career Service PoliMI mette studenti e Aziende in contatto diretto tramite eventi targettizzati, incontri, workshop online e in presenza, fiere del lavoro e molte altre iniziative e attività volte a creare un incontro efficace tra domanda e offerta.

Questo permette agli Studenti del Politecnico di Milano di conoscere da vicino le realtà lavorative e di essere costantemente in contatto con referenti di aziende specifiche per ogni settore e corso di laurea. 

Career Service 2023 PoliMI: le domande degli studenti sulla realtà Baglioni

Giovedì 9 novembre il Career Service PoliMi ha organizzato un workshop online sulla digitalizzazione e automazione industriale.

Gli studenti hanno così avuto modo di conoscere più da vicino come i progetti innovativi che riguardano questo ambito stanno integrando un sistema sempre più ampio di regolazione e controllo all’interno dei comparti industriali.

Una conoscenza scaturita grazie a domande mirate fatte direttamente ai referenti aziendali che hanno partecipato. 
Di seguito, le domande che sono state poste a Baglioni e a cui hanno risposto Stefano Petrini e Massimo Verteramo:

  1. Quali sono le competenze più importanti che un ingegnere meccanico dovrebbe avere per entrare in questo campo? 
  2. Quanto è importante la parte di programmazione rispetto alla conoscenza della meccanica?  
  3. In quali aree specifiche dell’automazione industriale è specializzata l’Azienda Baglioni (ad esempio, robotica, PLC, IoT, SCADA, ecc.)?
  4. Come le capacità tecniche aziendali sono in linea con le esigenze di progetti innovativi?
  5. Baglioni ha esperienza lavorativa con le ultime tecnologie e tendenze di automazione?
  6. Qual è l’approccio di Baglioni alla sostenibilità e alla riduzione dell’impatto ambientale dei progetti di automazione?  
  7. Potete fornisci esempi di progetti in cui Baglioni ha aiutato i clienti a raggiungere obiettivi di sostenibilità?
  8. Qual è l’impatto dell’automazione sui tempi di produzione e sulla qualità del prodotto finale?
  9. Qual è la posizione di Baglioni riguardo al crescente utilizzo dell’intelligenza artificiale nel settore?
  10. La rapida evoluzione di questa tecnologia potrebbe ridurre la necessità di ingegneri in alcuni settori?  
  11. In Baglioni vedete il futuro dell’automazione industriale nell’utilizzo di umanoidi invece di lavoratori umani?  
  12. Alla luce delle recenti fluttuazioni dei prezzi dell’elettricità, come si stanno avvicinando gli ingegneri industriali all’efficienza energetica? Stanno cercando di migliorare i processi interni delle strutture esistenti seguendo standard come ISO 50001, oppure vedono le soluzioni di stoccaggio dell’energia come un modo migliore per ridurre la loro dipendenza dalla rete?
  13. In che modo Baglioni coinvolge attivamente i neolaureati? Cosa si aspetta l’azienda da un nuovo laureati assunti e quali ruoli possono assumere? Esistono programmi di formazione?  

1. Quali sono le competenze più importanti che un ingegnere meccanico dovrebbe avere per entrare in questo campo?

Le Skills più importanti che richiediamo in Baglioni sono problem solving, leadership, ricerca e analisi, ascolto attivo e la capacità di lavorare in team. Fondamentale anche avere nozioni base di saldatura (che vengono impartite nel periodo formativo) e nozioni base di meccanica e di processo.

2. Quanto è importante la parte di programmazione rispetto alla conoscenza della meccanica?

Per il nostro settore è molto rilevante avere una base meccanica. Le attività di programmazione delle automazioni che implementiamo vengono fatte dai nostri tecnici specializzati, sulla base dei tempi e delle specifiche che vengono definite all’inizio del progetto. La parte di programmazione e la parte meccanica sono

importanti in maniera equivalente perché possono determinare la buona riuscita del progetto. Importante avere anche una buona conoscenza del processo produttivo (Vincoli e potenziali miglioramenti).

3. Come le capacità tecniche aziendali sono in linea con le esigenze di progetti innovativi?

Le aree specifiche per l’automazione industriale in cui siamo specializzati sono robotics e PLCs. I robot sono principalmente utilizzati in isole di lavoro per attività di saldatura e manipolazione dedicate alla finitura dei serbatoi e alla saldatura dei bocchelli. Internamente, sviluppiamo anche altri tipi di macchinari automatici con

PLCs per saldatura e test dei nostri prodotti finiti. Questi macchinari possono poi essere integrati al nostro sistema di produzione (MES).

4. In quali aree specifiche dell’automazione industriale è specializzata l’Azienda Baglioni (ad esempio, robotica, PLC, IoT, SCADA, ecc.)?

Nei progetti di innovazione utilizziamo le capacità tecniche del nostro team interno dedicato alle attività di R&D industriale e ci appoggiamo a System Integrator esterni per la parte robotica di saldatura e manipolazione.

5. Baglioni ha esperienza lavorativa con le ultime tecnologie e tendenze di automazione?

Stiamo iniziando delle nuove collaborazioni per implementare le più recenti tecnologie e tendenze. Due esempi sono i robot collaboratori (Cobot) per la saldatura di piccole serie e sistemi di test innovativi mediante l’utilizzo delle sonic camera (Digital leak test).

6. Qual è l’approccio di Baglioni alla sostenibilità e alla riduzione dell’impatto ambientale dei progetti di automazione?

Il Gruppo Baglioni considera di elevata rilevanza le tematiche connesse all’ambiente e alla sostenibilità. Quest’anno Baglioni SPA produrrà il suo secondo bilancio di sostenibilità ESG. Tutti i nostri prodotti sono 100% riciclabili (l’acciaio è uno dei materiali più riciclati al mondo).

7. Potete fornisci esempi di progetti in cui Baglioni ha aiutato i clienti a raggiungere obiettivi di sostenibilità?

Un esempio è l’implementazione di macchina automatica di test pneumatico con

sistema di identificazione delle perdite mediante sonocamera digitale. Questo sistema ci ha permesso di escludere l’utilizzo dell’acqua per testare i serbatoi, con un conseguente basso impatto ambientale legato all’utilizzo delle acque a scopi industriali.

8. Qual è l’impatto dell’automazione sui tempi di produzione e sulla qualità del prodotto finale?

L’automazione ci ha permesso di poter processare volumi di produzione altrimenti non gestibili con operazioni manuali. L’automazione interviene nei lavori più pesanti e human intensive. Il tempo produttivo in sé è strettamente collegato al processo di saldatura: l’automazione non ci aiuta ad andare più veloci in saldatura, ma migliora notevolmente la movimentazione dei pezzi che, durante la saldatura, risulta molto più efficiente e con un notevole risparmio di manodopera. La qualità del prodotto finito è sicuramente migliore grazie anche alla ripetibilità dei parametri di processo.

9. Qual è la posizione di Baglioni riguardo al crescente utilizzo dell’intelligenza artificiale nel settore?

Al momento, la nostra posizione nei confronti della AI è capire se esistono delle applicazioni possibili per i nostri processi base. La saldatura è un processo soggetto a variabili non costanti che dipendono dalle differenti colate e lotti dei componenti base. Quindi, pensiamo che la AI potrà essere implementata solo in alcune parti della nostra produzione, come ad esempio:

  • Sistemi di controllo durante la saldatura, come sistemi di allineamento automatico del giunto di saldatura
  • Controllo in ingresso dei materiali
  • Logistica e spedizioni

10. La rapida evoluzione di questa tecnologia potrebbe ridurre la necessità di ingegneri in alcuni settori?

Per quanto riguarda l’industria manifatturiera, è possibile che la AI ridurrà le risorse umane dedicate al back office, più che ridurre la necessità di ingegneri.

11. In Baglioni vedete il futuro dell’automazione industriale nell’utilizzo di umanoidi invece di lavoratori umani?

L’integrazione di robot umanoidi nell’automazione industriale è un’opzione da valutare, ma la sua realizzazione dipende da vari fattori, tra cui: 

  • le specifiche dell’industria
  • la complessità operativa
  • i costi
  • le implicazioni etiche e sociali
  • le considerazioni regolamentari

L’evoluzione dell’automazione industriale è in corso, ma la sostituzione completa dei lavoratori umani con robot umanoidi potrebbe non essere la soluzione predominante in tutti i settori. 

Oggi si sta affermando l’automazione collaborativa: in molti casi, la tendenza nell’automazione industriale è verso la collaborazione tra robot e lavoratori umani

anziché la sostituzione completa. Questo può migliorare l’efficienza e la sicurezza sul posto di lavoro.

12. Alla luce delle recenti fluttuazioni dei prezzi dell’elettricità, come si stanno avvicinando gli ingegneri industriali all’efficienza energetica? Stanno cercando di migliorare i processi interni delle strutture esistenti seguendo standard come ISO 50001, oppure vedono le soluzioni di stoccaggio dell’energia come un modo migliore per ridurre la loro dipendenza dalla rete?

Il consumo energetico principale del nostro processo deriva dalla saldatura. Per questo non abbiamo possibili soluzioni per l’efficienza energetica.Nel nostro caso, la soluzione è stata l’installazione di pannelli fotovoltaici e l’integrazione di soluzioni di accumulo energetico.

13. In che modo Baglioni coinvolge attivamente i neolaureati? Cosa si aspetta l’azienda da un nuovo laureati assunti e quali ruoli possono assumere? Esistono programmi di formazione?

Baglioni è costantemente alla ricerca di giovani laureati talentuosi e desidera sostenerli nello sviluppo della loro carriera. 

Stiamo cercando persone motivate e curiose di affrontare nuove sfide e desiderose di far parte di un ambiente dinamico e stimolante, con l’opportunità di vedere il processo produttivo a 360°. I principali ruoli per i laureati possono essere nell’ufficio ingegneria, nell’ufficio qualità e a supporto dei responsabili di stabilimento

Per ciascun ruolo, creiamo un programma di formazione personalizzato che coinvolge il nuovo laureato nei primi mesi di lavoro. Dopo l’inserimento dell’azienda, Baglioni continua ad investire nella formazione con numerosi corsi e attività.

L’impegno Baglioni negli eventi con le realtà formative

In Baglioni siamo molto attenti a scovare, formare e far crescere i manager di domani e a premiare il talento e la voglia di emergere e trovare il proprio posto nel mondo lavorativo dei ragazzi che stanno studiando o hanno appena concluso il proprio percorso universitario.

Per questo motivo siamo in stretto contatto con varie realtà formative dislocate sul territorio e siamo sempre in prima linea quando si tratta di eventi e workshop che hanno l’obiettivo di far incontrare scuola e mondo del lavoro. 

Dopo la nostra partecipazione al Career Day 2023 del Politecnico di Torino, che si è tenuto il 10 ottobre 2023 e ci ha permesso di conoscere i migliori talenti e svolgere attività di recruiting e selezione tramite colloqui conoscitivi one-to-one, siamo stati protagonisti anche nell’appuntamento con i ragazzi del Politecnico di Milano.

Siamo molto orgogliosi di questo nuovo impegno verso i giovani e la loro valorizzazione nel mondo del lavoro di domani: ringraziamo il Career Service del PoliMi per averci dato questa bellissima opportunità e siamo molto felici delle numerose domande ricevute dagli studenti presenti, che si sono mostrati molto interessati alla nostra realtà.

Contattaci per maggiori informazioni.